George Weah eletto presidente della Liberia: l’orgoglio del mondo del calcio per una storica prima volta

Unico giocatore africano ad aver vinto il Pallone d’Oro nel 1995, Weah è diventato anche il primo calciatore a essere eletto capo di stato.

Al termine dello spoglio dei voti che ne ha sancito l’elezione a presidente della Liberia George Weah è stato immediatamente subissato di messaggi di congratulazioni dal mondo del pallone fiero per questo successo.

Numerose star del calcio africano hanno accolto con soddisfazione la notizia della sua vittoria. Tra questi Didier Drogba che ha scambiato qualche battuta su Twitter con il neopresidente.

“Congratulazioni Mr. George”, ha scritto Drogba, ex stella del Chelsea e della nazionale ivoriana. “Grazie del tuo sostegno Didier. Entrambi conosciamo e abbiamo a cuore il destino dei nostri popoli. Seguiamo lo stesso cammino…”, gli ha risposto il collega 51enne.

“Congratulazioni presidente Weah!!”, ha a sua volta postato Yaya Touré, centrocampista ivoriano del Manchester City.

Il camerunense Stéphane Mbia, ex centrocampista del Marsiglia, si è complimentato con Weah per la sua “superba carriera”. “Primo Africano Pallone d’Oro nel 1995, primo ex calciatore a diventare presidente della repubblica. Respect!”.

download (1)
Weah impegnato nella campagna elettorale in Liberia

“Ora arriva la parte più dura”

Intervistato da France Presse, Joseph Antoine Bell, ex portiere della nazionale camerunense ed ex capitano del Marsiglia, si è detto felice per la vittoria di Weah pur restando prudente: “Come calciatore e sportivo, deve sapere che la storia non finisce qui. Ha vinto un incontro ed è giusto festeggiare. Ma la gioia di ieri non sarà niente se fallirà domani”.

“Ora arriva la parte più dura. George ha il dovere di dimostrare che la popolarità del calciatore non basta e che ha molto altro da dare. La partita più difficile è sempre quella che ti attende”, avverte Bell.

Weah, eletto con il 61,5% dei voti dopo due tentativi andati a vuoto nel 2005 e nel 2011, ha ricevuto i complimenti anche dai club di cui in carriera ha vestito con successo le maglie: Monaco, PSG e Milan.

La squadra del Principato, dove l’attaccante ha mosso i primi passi tra il 1988 e il 1992, ha scritto: “Tutto il club si congratula con George Weah per l’elezione alla presidenza della Liberia e gli augura di guidare con successo il suo paese!”.

Il Paris Saint Germain, con cui l’attaccante ha vinto due Coppe di Francia (1993 e 1995) e  un campionato (1994) dando spettacolo nelle coppe europee, si gode a sua volta questo trionfo: “Conosciamo George Weah da ben prima della sua elezione a presidente della Liberia. Congratulazioni alla leggenda del PSG e del calcio mondiale per questo nuovo capitolo della sua brillante carriera!!!” ha twittato il club parigino sul suo profilo ufficiale.

George-Weah
Lo storico Pallone d’Oro del 1995. Unico ad oggi vinto da un calciatore africano

Un modello per gli altri giocatori?

“Complimenti alla leggenda rossonera George Weah che è diventato il nuovo presidente della Liberia”. Con queste parole il Milan si è congratulato con il giocatore che a Milano ha disputato quattro straordinarie stagioni vincendo il Pallone d’Oro nel 1995 e due campionati nel 1996 e nel 1999.

Qualcuno nel mondo del calcio seguirà dunque l’esempio del futuro presidente della Liberia? Infatti, nonostante i numerosi legami esistenti tra pallone e politica, Weah resta la prima ex star calcistica a essere eletta capo di stato.

Come lui, tuttavia, altri ex giocatori si sono lanciati in politica. Di recente il georgiano Kakha Kaladze, grande ex difensore del Milan, è stato eletto sindaco della capitale Tblisi dopo essere già stato ministro dell’energia.

In Brasile, i passaggi dal calcio alla politica sono quasi all’ordine del giorno: l’ex attaccante Romario, stella del calcio carioca, esercita ad esempio un mandato di senatore dal 2015.

Tuttavia, riuscire a passare dal terreno di gioco alla massima carica politica nazionale era stato un privilegio riservato finora ai potenti dirigenti dei club, uomini d’affari amanti del calcio, come  l’ex presidente del consiglio italiano e del Milan Silvio Berlusconi o l’attuale presidente argentino Mauricio Macri che prima era stato alla guida del Boca Juniors.

George Weah, ragazzo delle bindonvilles di Monrovia (capitale della Liberia), è dunque riuscito a creare un precedente di rilievo, proprio come aveva fatto nel 1995 portandosi a casa il prestigioso Pallone d’Oro, primo – e ad oggi unico – attribuito a un calciatore africano.

george-weah6
Weah canta l’inno nazionale in un match giocato con la sua Nazionale

Articoli correlati:

Volere è potere, Weah: Tim e l’eredità di papà George

Gol a profusione: i 25 gol più belli dell’era d’oro della Serie A (Capitolo Primo)

FIGLI D’ARTE. Chi altro potrebbe ingaggiare la Fiorentina per far rivivere i gloriosi anni ’90?

 

Fonti

Traduzione: Andrea Palazzeschi

Articolo: “Election de Weah au Liberia: grande première et fierté pour le monde du football”

Autore: Agence France Presse

Giornale: Libération

Pubblicazione: 29 dicembre 2017

Link all’originale: http://www.liberation.fr/sports/2017/12/29/election-de-weah-au-liberia-grande-premiere-et-fierte-pour-le-monde-du-football_1619486

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...