HÅLAND UBER ALLES

Con la tripletta realizzata in soli venti minuti alla prima partita ufficiale disputata con la maglia del Borussia Dortmund, Erling Braut Håland non ha fatto altro che confermare ciò che tutti già sapevano: questo ragazzo è un fenomeno tanto precoce quanto impaziente di bruciare le tappe. A farne le spese stavolta è stata la difesa dell’Ausburg, con il diciannovenne norvegese che ha rubato la scena al suo capitano e possibile concorrente per un posto in attacco tra gli Schwarz-Gelben, Marco Reus.

Quando gli è stato chiesto di Håland, oggetto di grande curiosità dopo aver segnato 9 goal in un solo match lo scorso 31 maggio con la Norvegia al Mondiale U20, anziché unirsi a tutti i complimenti arrivati per un avvio di stagione sensazionale con il Salisburgo o parlare delle grandi aspettative con cui è stato accolto nel bacino della Ruhr dopo aver firmato col Borussia in questa sessione invernale, il suo nuovo compagno di squadra Julian Brandt è voluto andare controcorrente lo scorso 10 gennaio; dopo le solite formule di rito usate con i media, il centrocampista tedesco ha voluto allentare la pressione attorno all’attaccante norvegese chiedendo per lui agli addetti ai lavori “tempo. Potrebbe essere necessario prima che possa esprimersi al meglio”. Ciò sarebbe stato vero se si fosse trattato di una persona comune, ma non per Håland, che è di tutt’altra pasta rispetto ai suoi giovani coetanei. Serviva per caso una riprova? Eccola servita: l’Ausburg asfaltato con una sua tripletta di mancino e rimontato dal Dortmund (3 a 5).

L’allievo che supera il maestro

Håland ha bagnato ogni suo esordio in questa stagione con una tripletta. La prima è stata il 17 luglio in occasione del primo incontro ufficiale del Salisburgo a Parndorf in Coppa d’Austria (1 a 7). Lo stesso è accaduto due mesi più tardi contro il Genk alla prima partita dei gironi di Champions (6 a 2); competizione che tra l’altro vedeva Håland alla prima presenza. A questo punto valeva la pena scommettere su una nuova tripletta del nativo di Leeds alla WWK Arena, teatro del diciottesimo turno di Bundesliga?

A dar retta alle formazioni iniziali si sarebbe detto di no: il gigante biondo figurava infatti tra i “panchinari”, con il posto da punta titolare occupato senza particolari sorprese da Marco Reus, capitano e secondo miglior realizzatore a una rete da Jadon Sancho con 8 marcature stagionali e sotto la cui ala il giovane Håland dovrebbe crescere e apprendere i trucchi del mestiere.

Dalla panchina il nuovo numero 17 giallonero ha visto dunque il compagno divorarsi una facile rete in ben due occasioni sullo 0 a 0. […] Florian Niederlechner aveva appena portato sul 3 a 1 l’Ausburg quando Lucien Favre ha tentato il tutto per tutto giocandosi il suo asso nella manica. Tre minuti dopo il nativo di Leeds mostrava già le sue capacità nei movimenti e il notevole senso del goal con uno smarcamento laterale sul filo del fuorigioco su passaggio di Sancho e un letale tiro a incrociare di mancino (3 a 2 al 59esimo). La rete ha riacceso le speranze del Borussia che è giunta al pareggio solo due minuti dopo con una bella giocata dell’inglese Sancho. […]

Tre reti ed è subito amore

Chiaramente non era giornata per Reus che non è poi riuscito a capitalizzare altre 2 buone occasioni, di cui l’ultima propiziata da un imprendibile Sancho. Al contrario, è stata una giornata indimenticabile per il Dortmund e per il suo giovane fenomeno che non si è fatto troppi problemi a rubare la scena al suo capitano, insaccando con un facile appoggio la rete del 3 a 4 al 70esimo su un perfetto assist di Thorgan Hazard, che gli è valsa la doppietta. Lo stesso Håland ha messo poi in ghiaccio il risultato, eludendo i suoi marcatori con uno smarcamento sulla destra e un controllo orientato prima di concludere con un mancino chirurgico per il 3 a 5 al 79esimo. Goal propiziato questa volta proprio da un assist di Reus. Segno che i due attaccanti possono essere compatibili e che Favre saprà utilizzarli anche insieme o non solo in una staffetta d’attacco? Certamente è presto per dirlo, anche se per ora non sembrano esistere limiti o ostacoli per il Norvegese, autore nell’occasione delle sue prime tre marcature in Bundes. La love story non è che all’inizio: con tre reti all’attivo ha già superato Thomas Muller o l’idolo del Bayer Leverkusen Kai Havertz, entrambi a quota due. E se volessimo fare il paragone con altri centravanti – i due Tedeschi giocano poco più arretrati – Håland ha già fatto meglio dei francesi Jean-Philippe Mateta (Mainz, due) e Anthony Modeste (Colonia, uno). […]

Queste ennesime tre reti non faranno che aumentare i rimpianti in quel di Lipsia, dove hanno avuto il torto di giocare la carta della pazienza. Anche se ci poteva stare con un giocatore giovane che aveva avuto bisogno di un annetto per farsi notare in Norvegia al Molde nel 2017 e di sei mesi di adattamento a Salisburgo nel 2019. Con queste prestazioni il giovane bomber ha spento sul nascere ogni possibile dibattito sulla sua capacità di adattarsi rapidamente a un campionato molto più impegnativo di quello austriaco. Ora, le reti messe a segno dal Norvegese nella stagione 2019/20 sono salite a 31. Il tutto in soli 23 match… di cui 8 in 6 presenze in Champions League, che hanno già fatto segnare un record. Inutile dire che il PSG, prossimo avversario del Dortmund agli ottavi di Champions, sia avvertito. In realtà a Parigi lo sapevano già bene e non hanno fatto che avere l’ennesima conferma a distanza. Sempre meglio che farsi castigare dal diretto interessato in persona…

FONTI

Traduzione di Andrea Palazzeschi dell’articolo di Simon Butel “HÅLAND ROVER“, pubblicato il 19 gennaio 2020 su SoFoot.com.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...